Conoscienza - Master in Comunicazione delle Scienze - Università degli Studi di Padova
Scienza a Padova > I Laboratori di Legnaro dell'INFN
05/05/2008
I Laboratori di Legnaro dell'INFN

I Laboratori Nazionali di Legnaro (LNL) dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) sono un polo scientifico e tecnologico d’interesse europeo per ricerche nel campo della fisica nucleare e delle sue molteplici applicazioni (ad esempio fisica dei materiali, radiobiologia, radioterapia, inquinamento ambientale, fonti energetiche), ma anche della fisica fondamentale.

I LNL, nati nel 1968 in seguito ad una convenzione tra l’INFN e l’Università degli Studi di Padova, si trovano a circa 8,5 Km dal centro di Padova, hanno un organico di 120 unità di personale e forniscono servizi di ricerca a una media annuale di 700 scienziati provenienti da centri di ricerca ed università di tutto il mondo.

I Laboratori hanno oggi una posizione trainante per quanto riguarda gli studi del mondo microscopico noti come “struttura e dinamica del nucleo atomico”. Per studiare la struttura della materia e i limiti della stabilità nucleare si sottopone il nucleo a sollecitazioni estreme, che si raggiungono attraverso processi d’urto con i fasci prodotti da acceleratori. Presso i LNL sono attualmente operativi cinque acceleratori.

Negli ultimi anni si è inoltre consolidata una proficua collaborazione con il mondo della scuola organizzando seminari, mostre di divulgazione scientifica, visite guidate e stage per studenti delle scuole superiori, per coinvolgere i giovani e i docenti in progetti scientifici di conoscenza, approfondimento e realizzazione di esperienze in fisica generale e nucleare. L’obiettivo è di favorire la più capillare diffusione di una solida e critica cultura tecnico-scientifica, provvedendo nel contempo alla valorizzazione del patrimonio culturale dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Il nucleo degli attuali Laboratori sorse nel 1960 come "Centro di Ricerche Nucleari della Regione Veneta" dell'Università di Padova attorno ad un acceleratore elettrostatico Van de Graaff CN con una tensione di 5,5 milioni di Volt (MV). Tale acceleratore costituiva a suo tempo il maggior strumento di ricerca nel campo della fisica dei nuclei atomici disponibile in Italia e venne messo a disposizione di tutti i gruppi italiani del settore. Il ruolo nazionale del Laboratorio portò nel luglio 1968 al suo inserimento nell'lNFN quale Laboratorio Nazionale, in seguito ad una convenzione fra l'INFN e l'Università di Padova.

Nel 1971 è entrato in funzione l'acceleratore elettrostatico Van de Graaff AN2000 da 2,5 MV, particolarmente adatto a ricerche di fisica applicata (biofisica, fisica medica, fisica dello stato solido, fisica dell'ambiente, ecc.) attuate con fasci di ioni leggeri. L'INFN decise poi di sviluppare le attività di fisica nucleare con ioni pesanti: venne installato un acceleratore TANDEM XTU da 16 MV, che è in piena attività dall'inizio del 1982. L’acceleratore fornisce fasci di ioni di molte specie nucleari, sino alle masse più pesanti (dal carbonio allo iodio) con un'energia di 3-4 MeV per nucleone, per studi riguardanti varie linee di ricerca sulle interazioni, sulle proprietà dei nuclei atomici e delle loro reazioni.

Un ulteriore passo avanti è dovuto all’entrata in funzione, nel 1994, dell'acceleratore lineare per ioni pesanti ALPI, a cavità risonanti superconduttive. ALPI è in grado di accelerare fasci di ioni fino alle masse più pesanti con energie comprese tra 5 e 20 milioni di elettronvolt (MeV) per nucleone. Dal 2005 ALPI è dotato di un iniettore supercondittivo di tipo RFQ, quadrupolo a radiofrequenza. Questo acceleratore, denominato PIAVE, è il primo acceleratore superconduttivo con queste caratteristiche.

Lo sviluppo dell'acceleratore PIAVE-ALPI ha permesso ai Laboratori di acquisire competenze avanzate nell'ambito delle tecnologie criogeniche, della superconduttività e della radiofrequenza applicata a strutture acceleranti.  Queste competenze vengono applicate nei nuovi progetti che riguardano principalemente Lo sviluppo e la costruzione di nuovi acceleratori lineari ad alta intensità per applicazioni che vanno dalla fisica nucleare di base alle applicazioni nel campo della produzione dell’energia e delle nuove tecniche per la lotta ai tumori.

Nel 1996 è diventata operativa l'antenna supercriogenica AURIGA per lo studio delle onde gravitazionali e, nel 1998, l’esperimento PVLAS per ricerche sul vuoto quantistico, ampliando gli interessi scientifici dei Laboratori anche allo studio di importanti problemi della struttura fondamentale della materia.

(francesca rosati)

Per saperne di più: www.lnl.infn.it

ARCHIVIO ARTICOLI
arrow Politica della ricerca - Dibattiti
arrow Astrofisica e Cosmologia
arrow Biologia e Medicina
arrow Fisica e Chimica
arrow Matematica
arrow Terra e Ambiente
arrow Teconologie
arrow Scuola e didattica
arrow Storia e filosofia della Scienza
arrow Comunicazione della Scienza
arrow
Appuntamenti a Padova
all'Università di Padova convegno del master convegno nazionale al San Gaetano 150 anni di evoluzione mostra a Padova
Scienza a Padova
Recensioni
dialogo a distanza con Woody Allen di Angelo Guerraggio e Vito Paoloni di Dava Sobel dialogo di Marco Alloni con Margherita Hack di Michael Frayn
Università di Padova
Notizie Brevi
40 anni fa a Padova uno dei pochi centri europei specializzati scoperto da un gruppo di ricercatori norvegesi un nuovo gigante che scruterà il cielo a Padova
Parole della Scienza
moderne e tradizionali organismi geneticamente modificati e il morbo della "mucca pazza" e le sue mille virtù riempie il cosmo