Conoscienza - Master in Comunicazione delle Scienze - Università degli Studi di Padova
Notizie Brevi > Lo sbarco sulla Luna
23/07/2009
Lo sbarco sulla Luna

Quaranta anni fa, il 16 luglio 1969, alle 9.32 ora locale, ebbe inizio la missione Apollo 11. Una missione che a differenza delle precedenti, avrebbe portato gli astronauti direttamente sul suolo lunare.
 A chi possedeva un solo televisore in bianco e nero, aveva da poco il telefono fisso e non aveva mai sentito parlare di computer un simile evento sembrava fantascienza. Ma non agli equipaggi delle missioni Apollo, tutti altamente addestrati, e scelti a rotazione per andare nello spazio.

Quel giorno di quarant’anni fa a Cape Kennedy, in Florida, tre astronauti si avviarono verso la rampa di lancio 39, dove il razzo vettore Saturn 5 era pronto per lanciare l’Apollo 11 in orbita.
La squadra che salì a bordo era composta da: Neil Armstrong, comandante della missione Apollo 11; Edwin Aldrin, pilota del modulo lunare Eagle; Michael Collins, pilota del modulo di comando Columbia. 

Ci vollero tre giorni prima che l’Apollo 11 giungesse nell’orbita lunare, e un altro giorno perché la squadra potesse iniziare la seconda fase della missione.
Quando furono pronti il capitano Amstrong e Aldrin salirono sul modulo lunare Eagle e si staccarono dal modulo di comando. Mentre il Columbia, pilotato da Collins, continuava ad orbitare a 100 Km dalla luna, gli altri due astronauti  scesero verso la superficie.

L’ultima fase prima dell’allunaggio era la più pericolosa, e venne seguita con attenzione dai controllori a terra a Houston. Se qualcosa fosse andato storto, i controllori avrebbero dato  immediatamente  l’ordine di sospendere la missione.
Il modulo lunare, durante la discesa, era guidato dal computer di bordo, e si stava dirigendo per l’allunaggio verso un’area sassosa, vicina ad un cratere. A 13 km dal suolo il capitano Amstrong  prese i comandi manuali e cercò un sito migliore, dove atterrare. Quando il capitano finalmente atterrò, gli erano rimasti solo 20 secondi di autonomia, il carburante infatti era sufficiente solo per una discesa di 12 minuti.

Il 20 luglio 1969 il modulo lunare atterrò sulla luna. Il capitano Amstrong annunciò: “Houston, l’aquila (Eagle in inglese) è atterrata”. I due piloti rimasero per circa sei ore nel modulo: studiarono il sito dell'allunaggio dalle due finestre triangolari dell'Eagle e progettarono la disposizione delle attrezzature. Poi finalmente scesero.
Amstrong scese per primo dalla scaletta del modulo e attivò la telecamera per inviare le immagini a terra. Fu lui il primo uomo a camminare sulla luna; Aldrin lo seguì subito dopo per una passeggiata di due ore e mezza. I due astronauti installarono gli strumenti, fotografarono e raccolsero campioni di roccia.

Terminato il loro lavoro, piantarono con qualche difficoltà la bandiera statunitense, e sotto appoggiarono orgogliosamente la targa che porta inciso:  “Qui uomini del pianeta Terra hanno posato per la prima volta il piede sulla Luna, nel luglio 1969. Siamo venuti in pace in nome di tutto il genere umano”.
Amstrong e Aldrin risalirono a bordo del modulo lunare, per riposarsi prima di ripartire. Il giorno dopo staccarono il modulo di discesa dell’Eagle, che rimase sulla luna. Decollarono, con il modulo di salita, verso l’orbita lunare, per ricongiungersi al Columbia, dove li attendeva Collins.

Il 21 luglio 1969 i piloti iniziarono il viaggio di ritorno verso la terra. Gli astronauti attivarono il razzo del modulo di servizio, per uscire dal campo gravitazionale della luna, e fecero rotta verso casa. Il 24 luglio 1969 ammararono nell’Oceano Pacifico, a sud-ovest delle Hawaii.
L’equipaggio venne recuperato e portato in isolamento, in un mezzo completamente sigillato, per evitare il rischio che contaminassero la terra con  qualche virus o batterio alieno.
Solo il 10 agosto gli astronauti poterono finalmente riprendere la loro vita normale, e celebrare pubblicamente la riuscita della missione.

(cristina rigutto - studentessa del master 2009)

 

ARCHIVIO ARTICOLI
arrow Politica della ricerca - Dibattiti
arrow Astrofisica e Cosmologia
arrow Biologia e Medicina
arrow Fisica e Chimica
arrow Matematica
arrow Terra e Ambiente
arrow Teconologie
arrow Scuola e didattica
arrow Storia e filosofia della Scienza
arrow Comunicazione della Scienza
arrow
Appuntamenti a Padova
all'Università di Padova convegno del master convegno nazionale al San Gaetano 150 anni di evoluzione mostra a Padova
Scienza a Padova
Recensioni
dialogo a distanza con Woody Allen di Angelo Guerraggio e Vito Paoloni di Dava Sobel dialogo di Marco Alloni con Margherita Hack di Michael Frayn
Università di Padova
Notizie Brevi
40 anni fa a Padova uno dei pochi centri europei specializzati scoperto da un gruppo di ricercatori norvegesi un nuovo gigante che scruterà il cielo a Padova
Parole della Scienza
moderne e tradizionali organismi geneticamente modificati e il morbo della "mucca pazza" e le sue mille virtù riempie il cosmo